Home Benessere Cosa è e come evitare l'eccessiva sudorazione

Cosa è e come evitare l’eccessiva sudorazione

sudorazione

La sudorazione è un processo biologico che è totalmente normale e che il corpo utilizza per eliminare tutte le tossine e le sostanze di scarico che sono presenti all’interno del corpo. Tuttavia, ci sono dei casi in cui la sudorazione è troppo copiosa, e per questa ragione c’è bisogno di intervenire seguendo delle particolari curi: casi come questo prendono il nome di iperidrosi.

Quando si parla di iperidrosi si fa riferimento ad una condizione che porta ad una produzione eccessiva di sudore: questo può essere generalizzato oppure può interessare solamente alcune parti del corpo, quali ad esempio le ascelle, i palmi delle mani, il torace, il viso, l’inguine e addirittura le piante dei piedi. L’iperidrosi è presente in entrambi i lati del corpo, quindi non colpisce, ad esempio, solamente una mano alla volta, ma entrambe le mani.

Generalmente, questa non causa dei rischi gravi alla salute, ma può causare imbarazzo o comunque stress a chi ne soffre: di conseguenza, può portare ad un peggioramento nella qualità della vita, in casi estremi, causare stati depressivi ed ansia. L’iperidrosi può presentarsi in qualsiasi momento della vita, anche se nella maggior parte dei casi essa tende a svilupparsi nell’infanzia oppure nei primissimi anni della pubertà.

Sudorazione eccessiva: di cosa si tratta?

La sudorazione è dunque una condizione normale del corpo umano, il quale si serve di questo semplice processo per eliminare moltissime sostanze e tossine che sono presenti all’interno dell’organismo, tramite i pori che sono presenti a livello cutaneo. L’iperidrosi consiste invece in una sudorazione eccessiva, cioè una sudorazione al di sopra della norma: non ci sono però delle linee guida che permettono di stabilire quando il sudore che viene prodotto è troppo.

sudorazione

Ad esempio, il pensiero di sudare in modo eccessivo oppure il timore che il sudore interferisca con la vita quotidiana possono sicuramente essere considerati dei sintomi dell’iperidrosi. Ci sono però dei criteri che permettono di stabilire quando un soggetto soffre di iperidrosi, tra i quali:

  • il soggetto evita i contatti fisici, come ad esempio porgere la mano, in quanto teme di essere sudato;
  • il soggetto non partecipa ad alcuna attività come la ginnastica o il ballo, per il timore di sudare ancora di più;
  • il sudore interferisce tra il soggetto ed il proprio lavoro, rendendo difficile maneggiare oggetti che servono per svolgere il proprio mestiere;
  • il soggetto avverte problemi a svolgere attività di tutti i giorni, come ad esempio guidare oppure fare la spesa, a causa della paura del sudore;
  • il soggetto si lava spesso e tende ad isolarsi dagli altri.

Cause dell’iperidrosi primaria

In base ai sintomi e alle manifestazioni, è possibile distinguere due tipologie di sudorazione eccessiva, cioè iperidrosi primaria ed iperidrosi secondaria. Per quanto riguarda l’iperidrosi primaria, si tratta di una condizione che sembra non avere delle cause apparenti: tuttavia, si ritiene che questa sia causata da una parte del sistema nervoso, che è il sistema nervoso simpatico, che quindi potrebbe avere dei tratti genetici.

Il sistema nervoso simpatico ha come compito quello di controllare le diverse funzioni del corpo involontarie, come ad esempio quello che è lo spostamento degli alimenti all’interno del tratto gastrointestinale, ma anche come il movimento delle urine all’interno della vescica. Oltre a questo, il sistema nervoso simpatico ha anche il ruolo di controllare la temperatura corporea: quando questa aumenta in modo eccessivo, viene inviato al segnale un impulso che spinge alla produzione di sudore.

Il sudore è infatti in grado di rinfrescare la pelle, facendo abbassare quella che è la temperatura del corpo. in caso di iperidrosi, questa sembra dipendere da una particolare ghiandola sudoripara, che è la ghiandola eccrina. Tali ghiandole sono presenti in moltissime zone del corpo, come in ascelle, palmi, piante dei piedi e viso: si crede che nell’iperidrosi primaria il cervello mandi degli impulsi a queste ghiandole anche quando non serve un abbassamento della temperatura.

Cause dell’iperidrosi secondaria

Come si è visto, è possibile identificare due diverse tipologie di iperidrosi o sudorazione eccessiva, cioè l’iperidrosi primaria e quella secondaria. Per quanto riguarda l’iperidrosi secondaria, essa si differenzia dalla prima in quanto di questa si conoscono le cause: quindi, sono stati identificati dei precisi fattori scatenanti che portano ad un’eccessiva produzione di sudore.

Tra i diversi fattori che portano ad un eccesso di sudorazione è possibile menzionare la gravidanza, la menopausa, l’ansia, l’ipoglicemia, l’iperattività della ghiandola tiroidea, cioè l’ipertiroidismo, l’obesità, il consumo di certi farmaci…. Ci sono poi altri fattori che favoriscono la comparsa di iperidrosi come l’uso di oppiodi, cortisonici, anti depressivi particolari, propranololo, pilocarpina, abuso di alcol, abuso di droghe, crisi di astinenza, infezioni…

Inoltre, non bisogna dimenticare che si sono altre cause quali ad esempio la tubercolosi (che ormai è una malattia estremamente rara), l’HIV, il morbo di Parkinson, alcune malattie delle cellule, del sangue oppure del midollo osseo. Infine, ci sono moltissimi tumori che portano all’ipersudorazione come il carcinoma mammario e quello prostatico.

Quando rivolgersi al medico

L’iperidrosi primaria è dunque causata da fattori sconosciuti, mentre l’iperidrosi secondaria è quella causata da fattori che possono essere di diverso tipo: sono davvero molti, come si è visto, i fattori che causano un eccesso nella sudorazione. Ad esempio, l’ipersudorazione può essere un sintomo che c’è qualcosa che non va nel corpo, come ad esempio un tumore o la presenza di malattie del sangue o del midollo osseo.

sudorazione

È dunque per questo motivo che bisogna sapere quando è il momento giusto di contattare il proprio medico: questa azione va fatta quando la sudorazione eccessiva interferisce con quelle che sono le attività quotidiana oppure se, da un giorno all’altro, aumenta la produzione di sudore. Ci sono moltissimi soggetti che soffrono di iperidrosi e che hanno imbarazzo o vergogna di contattare il proprio medico, ritenendo molto spesso che la situazione non possa cambiare.

In aggiunta a questo, è necessario consultare il proprio medico non solo quando si soffre di ipersudorazione ma anche quando si soffre solamente di sudorazione notturna, in quanto questa può essere un sintomo di quelli che sono dei problemi più gravi. Solitamente, la diagnosi viene fatta solamente analizzando quelli che sono i sintomi del soggetto, anche se spesso possono essere prescritte altre tipologie di analisi.

Quali sono i rimedi migliori?

La sudorazione eccessiva è una condizione che colpisce moltissime persone, portando a vivere la vita in modo molto più difficile e stressante: molti si sono addirittura rassegnati all’idea che non esista una vera e propria cura per stare meglio e risolvere questo problema. Non ci sono dubbi che si tratti di una condizione molto difficile da trattare, e quindi ci vuole molto tempo per trovare la soluzione più adatta alle proprie esigenze.

Tra i rimedi più suggeriti da parte dei dermatologi di tutto il mondo ci sono sicuramente:

  • adottare un migliore stile di vita: questo non migliora l’iperidrosi, ma può sicuramente favorire una maggiore autoconsapevolezza e una più grande fiducia in se;
  • evitare fattori che causano una maggiore sudorazione, come ad esempio consumare cibi piccanti oppure alcolici;
  • evitare di usare spray oppure prodotti che non favoriscono la traspirazione della pelle;
  • preferire indumenti fatti di cotone e che quindi favoriscano la traspirazione della pelle, specialmente in zone come ad esempio la schiena oppure le ascelle;
  • indossare abiti neri in quanto quelli nascondono al meglio le macchie di sudore;
  • cambiare scarpe in modo da far traspirare i piedi;
  • non utilizzare scarpe che siano fatte di fibre sintetiche.

Seguendo questi rimedi sarà molto più facile tenere sotto controllo la propria sudorazione.

Gli integratori alimentari Deravis® (VR Services S.r.l.) sono regolarmente notificati al Ministero della Salute. Non vanno intesi come sostituti di una dieta varia ed equilibrata e di uno stile di vita sano né sono destinati a diagnosticare, trattare, curare o prevenire alcuna malattia

Deravis® – VR Services SRL P.IVA IT 02698200991 – Sede Legale in Genova, Via Colombo 6 CAP:16121 – Cap. sociale: 10.000,00 €